Già fatto? L’eiaculazione precoce

Disfunzioni sessuali, homepage, News

Già fatto? E’ la frase che nessun uomo vorrebbe sentirsi dire dalla propria partner alla fine di un incontro amoroso. Eppure questa situazione è purtroppo ricorrente in almeno il 40% dei rapporti sessuali con la propria partner abituale e supera il 70% nel caso di un rapporto occasionale.
Forse ancora più frustrante del deficit erettile, l’eiaculazione precoce è stata finalmente considerata una patologia dalla fine degli anni 60. Per i nostri nonni infatti il numero e la velocità dei rapporti sessuali coincideva spessissimo con il concetto universale di “virilità”: molti rapporti = molti figli = alta auto ed altrui stima. Le donne subivano (e ancora subiscono!) passivamente le “performances” del “maschio” di casa, come uno dei tanti “doveri” acquisiti con l’indissolubile  contratto matrimoniale, al pari del cucinare, lavare, cucire ed accudire la prole.
Poi è arrivato il ’68, con l’emancipazione della donna, l’emancipazione sessuale ed il sacrosanto diritto ad una sessualità compartecipe e soprattutto appagante e non più passiva.
E per l’eiaculatore precoce è stata una tragedia.
Additato al pubblico ludibrio femminile si è reso finalmente conto di non essere mai stato adeguato, con i suoi “tempi ristretti”, al soddisfacimento del piacere femminile ed ha cercato di correre ai ripari.
Ma ahimè a quei tempi la precocità dell’eiaculazione era ancora considerata una condizione “transitoria”, esclusivamente psicologica e risolta anche dai medici dell’epoca con una pacca consolatoria sulle spalle di quei pochi ardimentosi che avevano il coraggio di affrontare seriamente il problema piuttosto che isolarsi con le proprie frustrazioni alimentate dall’ennesima figuraccia.
Con il successivo progresso della ricerca si è capito che l’eiaculazione rappresenta di per se un fenomeno fisiologicamente ancora più complesso della erezione e presuppone una completa integrità anatomo-funzionale tra il sistema nervoso centrale, il periferico, i neuromodulatori e le strutture muscolari.
La sua precocità rappresenta un fenomeno di frequente riscontro nell’ambito andrologico, tanto che statisticamente risulta essere il secondo motivo di consultazione dopo il deficit erettile. Spesso sottaciuta o sottostimata si pensa esserne affetto circa il 23% della popolazione maschile,causando un disturbo importante sul benessere psichico e sociale non solo di chi ne è affetto ma anche della partner abituale influendo negativamente e talvolta drammaticamente sul rapporto di coppia. La sua etiologia riconosce cause organiche e psicologiche. La forma psicogena si evince con la esclusione di forme organiche: una visita dallo specialista esperto, una spermiocoltura o degli esami strumentali non invasivi, ci consentono una corretta impostazione terapeutica. Tra i farmaci di più comune utilizzo si annoverano gli ansiolitici, gli alfa-inibitori, gli antidopaminergici, gli antiserotoninergici. Quest’ultima classe di farmaci consente la soluzione del problema nella maggioranza dei casi, restituendo alla coppia quella armonia sessuale che è il naturale fondamento della stabilità della stessa.
Basta prendere il coraggio di affrontare e risolvere il problema sbarazzandosi della vergogna di parlarne con l’andrologo di fiducia, evitando di credere di essere gli unici al mondo a soffrirne.

Questo sito utilizza cookie di terze parti per migliorare la tua esperienza di navigazione. Informazioni

POLITICA DI UTILIZZO DEI COOKIES


Un cookie è un file che viene scaricato sul tuo computer quando consulti alcuni siti Web. I cookies permettono ai siti Web di conservare e recuperare informazioni sulle abitudini di navigazione dell'utente su un sito o sul dispositivo utilizzato, e in base a queste informazioni, di riconoscerlo. Tuttavia, i dati ottenuti sono protetti. Riguardano soltanto il numero delle pagine visitate, la città in cui è localizzato l'IP della connessione al sito Web, la frequenza e la ricorrenza delle visite, la durata delle visite, il browser utilizzato, l'ISP o il tipo di terminale da cui è partita l'operazione. Dati come nome, cognome o indirizzo postale della connessione non vengono raccolti. I cookies utilizzati su questo sito Web e i loro utilizzo sono:

SESSIONID : scade al termine della sessione. Questo cookie permette di seguire la navigazione dell'utente durante la sessione, di conservare le informazioni inserite dall'utente nei campi che lo prevedono, e di assicurare la qualità e la sicurezza della navigazione sulle pagine del sito.
_pk_XXXX.XXXX : scade dopo 30 minuti. Questo cookie permette di ottenere dati sull'utilizzo delle nostre pagine Web a fini statistici.
CDN : scade dopo 3600 minuti. Questo cookie è utilizzato nella ripartizione di carico, per capire se l'utente resta sullo stesso server host per l'intera sessione.
Slb : scade dopo 30 minuti. Questo cookie è utilizzato nella ripartizione di carico, per capire se l'utente resta sullo stesso server host per l'intera sessione.
VisitorEntrance : scade al termine della sessione. Questo cookie determina l'origine geografica dell'utente, attraverso l'indirizzo IP di connessione.
cookieAccepted : scade dopo 365 giorni. Questo cookie permette di mascherare le informazioni sull'utilizzo dei cookies del sito e viene utilizzato solo se l'utente ne accetta l'utilizzo.
Puoi autorizzare, bloccare o eliminare i cookies installati sul tuo computer modificando le opzioni del tuo browser. Per i browser più popolari trovi qui i link:

Internet Explorer
Mozilla Firefox
Google Chrome
Apple Safari

Ti informiamo che la disattivazione di un cookie potrebbe impedire o rendere difficoltosa la navigazione o le prestazioni dei servizi proposti sul nostro sito.

Chiudi