Pene curvo

homepage, Procedure chirurgiche

Il pene è formato da tre cilindri paralleli: i due dorsali sono i corpi cavernosi che determinano l’erezione del pene, quello ventrale costituisce il supporto del canale uretrale. L’erezione si verifica con un meccanismo “idraulico”: il pene si riempie  di sangue ad alta pressione e si allunga ed ingrandisce grazie alla elasticità dei corpi cavernosi.
Una deviazione o curvatura del pene è causata dalla diminuzione asimmetrica della elasticità di uno dei due corpi cavernosi.
La curvatura può essere ventrale, dorsale, laterale o complessa.
Pene curvo congenito
Durante la pubertà si può determinare una asimmetria dello sviluppo dei corpi cavernosi rappresentati da difetti di spessore e di elasticità del tessuto di rivestimento chiamato tunica albuginea. Il pene curvo congenito può essere associato ad ipospadia.
L’incidenza del pene curvo congenito è di circa  0,04% con prevalenza della curvatura ventrale in cui si nota di solito una lunghezza maggiore del pene rispetto alla media nella misurazione del lato convesso. La correzione dello stesso è di esclusiva pertinenza chirurgica e consiste nel creare delle “plicature” dei corpi cavernosi sulla superficie del lato convesso, accorciandolo quel tanto che necessita per una perfetta rettilineizzazione valutata con erezione indotta intraoperatoria.
Il modesto accorciamento del pene, nell’ordine di 1-2 cm, è poco percettibile essendo il pene stesso più lungo del normale.
Nei soggetti invece che presentano un pene normale o corto il raddrizzamento si esegue allungando il lato più corto innestando un “patch” di tessuto autologo (es. vena safena o mucosa della bocca) o eterologo (Intexen®) come io preferisco onde non apportare ulteriori incisioni e relative cicatrici al paziente nei siti di prelievo del tessuto stesso.
L’intervento è eseguito ambulatorialmente in anestesia loco-regionale, alla dimissione, due ore dopo l’intervento, il pene risulta fasciato con una benda elastica con posizionamento di  un catetere vescicale per 48 ore. La ripresa dell’attività sessuale avviene dopo 2 mesi circa.
Pene curvo acquisito
Malattia di La Peyronie o Induratio Penis Plastica
Francois de La Peyronie (1743) era il chirurgo di Luigi XIV, il re Sole, che si pensa essere stato affetto da questa malattia. La curvatura del pene è determinata da una “cicatrice” o ispessimento  della tunica albuginea, detta placca. Pur essendo passati quasi tre secoli è ancora controversa l’origine di questa malattia, benigna quanto invalidante per la funzione sessuale, che si pensa sia determinata, in soggetti predisposti, da traumatismi o “forzature” del pene durante il coito avvenute anche un anno prima della manifestazione della deviazione.
La placca è una zona di ridotta elasticità e conseguentemente durante l’erezione si determina una curvatura corrispondente alla posizione placca stessa.
Spesso alla malattia di La Peyronie si associa  la disfunzione erettile .
Proprio per l’origine incerta della affezione, le terapie farmacologiche sono le più svariate e generalmente poco efficaci. Tra le più affermate il Tamoxifene, usato per il tumore della mammella, e la vitamina E.
La terapia chirurgica è simile a quella della curvatura congenita, tendendo quasi sempre alla escissione della placca quando è passato abbastanza tempo da considerarla ormai “stabilizzata” e non in fase attiva, per non incorrere nel rischio di un reintervento per un aggravamento delle dimensioni della placca stessa. Generalmente la procedura chirurgica è consigliabile per deviazioni prossime o superiori ai 30°.


no images were found


Corporoplastica


Questo sito utilizza cookie di terze parti per migliorare la tua esperienza di navigazione. Informazioni

POLITICA DI UTILIZZO DEI COOKIES


Un cookie è un file che viene scaricato sul tuo computer quando consulti alcuni siti Web. I cookies permettono ai siti Web di conservare e recuperare informazioni sulle abitudini di navigazione dell'utente su un sito o sul dispositivo utilizzato, e in base a queste informazioni, di riconoscerlo. Tuttavia, i dati ottenuti sono protetti. Riguardano soltanto il numero delle pagine visitate, la città in cui è localizzato l'IP della connessione al sito Web, la frequenza e la ricorrenza delle visite, la durata delle visite, il browser utilizzato, l'ISP o il tipo di terminale da cui è partita l'operazione. Dati come nome, cognome o indirizzo postale della connessione non vengono raccolti. I cookies utilizzati su questo sito Web e i loro utilizzo sono:

SESSIONID : scade al termine della sessione. Questo cookie permette di seguire la navigazione dell'utente durante la sessione, di conservare le informazioni inserite dall'utente nei campi che lo prevedono, e di assicurare la qualità e la sicurezza della navigazione sulle pagine del sito.
_pk_XXXX.XXXX : scade dopo 30 minuti. Questo cookie permette di ottenere dati sull'utilizzo delle nostre pagine Web a fini statistici.
CDN : scade dopo 3600 minuti. Questo cookie è utilizzato nella ripartizione di carico, per capire se l'utente resta sullo stesso server host per l'intera sessione.
Slb : scade dopo 30 minuti. Questo cookie è utilizzato nella ripartizione di carico, per capire se l'utente resta sullo stesso server host per l'intera sessione.
VisitorEntrance : scade al termine della sessione. Questo cookie determina l'origine geografica dell'utente, attraverso l'indirizzo IP di connessione.
cookieAccepted : scade dopo 365 giorni. Questo cookie permette di mascherare le informazioni sull'utilizzo dei cookies del sito e viene utilizzato solo se l'utente ne accetta l'utilizzo.
Puoi autorizzare, bloccare o eliminare i cookies installati sul tuo computer modificando le opzioni del tuo browser. Per i browser più popolari trovi qui i link:

Internet Explorer
Mozilla Firefox
Google Chrome
Apple Safari

Ti informiamo che la disattivazione di un cookie potrebbe impedire o rendere difficoltosa la navigazione o le prestazioni dei servizi proposti sul nostro sito.

Chiudi