La protesi peniena

Disfunzioni sessuali, homepage, Procedure chirurgiche

La protesi peniena è un dispositivo medico che si impianta mediante procedura chirurgica in pazienti con deficit erettile di tipo organico, di diversa origine, non suscettibile di terapia farmacologia. Le protesi possono essere inoltre utilizzate per correggere anomalie congenite o acquisite del pene, quali deviazioni o malattia di La Peyronie.
L’utilizzo della protesi è destinata a sopperire la mancanza di erezione di quei pazienti che non rispondono alle terapie farmacologiche o non possono utilizzarle. Infatti l’impianto protesico viene preso in considerazione unicamente quando tutti i trattamenti medici meno invasivi sono stati tentati senza successo e si utilizza quale ultima e definitiva frontiera.
La tipologia delle protesi si distingue in semirigide o malleabili ed idrauliche.
Le protesi semirigide si compongono di un paio di “bacchette”cilindriche malleabili che si impiantano all’interno dei due corpi cavernosi. I vantaggi di queste protesi sono il basso costo, la facilità di impianto, l’alta resistenza e la non necessaria attivazione prima del rapporto. Lo svantaggio più grande è l’assenza dello stato di flaccidità del pene per cui lo stato di erezione costante può difficilmente essere occultato ad esempio se si indossano pantaloni aderenti o il costume da bagno. Inoltre necessitano di essere “manovrate” per assumere una posizione adeguata alla penetrazione. Per sopperire a questi disagi si preferisce impiantare le protesi idrauliche, di gran lunga le più usate. Esse si distinguono in bi e tri-componenti. Le prime sono composte da due cilindri gonfiabili che si inseriscono all’interno dei due corpi cavernosi e da un pompa–serbatoio sistemato nello scroto. Le tricomponenti hanno in più un serbatoio più grande che si inserisce nell’addome, nello spazio pre-vescicale. Queste ultime sono da preferirsi poiché offrono il miglior risultato sia dal punto di vista estetico che funzionale, offrendo una perfetta dissimulazione sia a pene eretto che flaccido, anche in virtù del fatto che l’impianto avviene attraverso una piccola incisione scrotale o sovrapubica perfettamente mimetizzata. Nelle protesi idrauliche sia esse bi che tricomponenti, l’erezione meccanica avviene mediante la attivazione della pompetta, posta nello scroto, che convoglia il liquido (soluzione fisiologica) dal serbatoio nei cilindri posti nei due corpi cavernosi che quindi si irrigidiscono e tali rimangono fino alla loro detumescenza attivata schiacciando una micro valvola posta sulla pompa stessa. Più difficile a spiegarsi che da attuare. La procedura chirurgica di impianto, della durata di circa un’ora, si esegue in anestesia loco-regionale, con il paziente sveglio.
La prima attivazione della protesi per consentire il rapporto avviene dopo circa quattro settimane dall’impianto.
La domanda ricorrente dei pazienti riguarda il piacere e la “sensibilità” del pene che non vengono assolutamente modificati dall’impianto protesico che funge soltanto da “tutore” permettendo di riacquisire la rigidità perduta consentendo un rapporto sessuale di tipo penetrativo con normale piacere, orgasmo ed eiaculazione.
Inoltre è da sottolineare che il risultato estetico è assolutamente indistinguibile dal naturale, specie con le tricomponenti di ultima generazione che sono altresì garantite per una durata superiore a dieci anni.


Questo sito utilizza cookie di terze parti per migliorare la tua esperienza di navigazione. Informazioni

POLITICA DI UTILIZZO DEI COOKIES


Un cookie è un file che viene scaricato sul tuo computer quando consulti alcuni siti Web. I cookies permettono ai siti Web di conservare e recuperare informazioni sulle abitudini di navigazione dell'utente su un sito o sul dispositivo utilizzato, e in base a queste informazioni, di riconoscerlo. Tuttavia, i dati ottenuti sono protetti. Riguardano soltanto il numero delle pagine visitate, la città in cui è localizzato l'IP della connessione al sito Web, la frequenza e la ricorrenza delle visite, la durata delle visite, il browser utilizzato, l'ISP o il tipo di terminale da cui è partita l'operazione. Dati come nome, cognome o indirizzo postale della connessione non vengono raccolti. I cookies utilizzati su questo sito Web e i loro utilizzo sono:

SESSIONID : scade al termine della sessione. Questo cookie permette di seguire la navigazione dell'utente durante la sessione, di conservare le informazioni inserite dall'utente nei campi che lo prevedono, e di assicurare la qualità e la sicurezza della navigazione sulle pagine del sito.
_pk_XXXX.XXXX : scade dopo 30 minuti. Questo cookie permette di ottenere dati sull'utilizzo delle nostre pagine Web a fini statistici.
CDN : scade dopo 3600 minuti. Questo cookie è utilizzato nella ripartizione di carico, per capire se l'utente resta sullo stesso server host per l'intera sessione.
Slb : scade dopo 30 minuti. Questo cookie è utilizzato nella ripartizione di carico, per capire se l'utente resta sullo stesso server host per l'intera sessione.
VisitorEntrance : scade al termine della sessione. Questo cookie determina l'origine geografica dell'utente, attraverso l'indirizzo IP di connessione.
cookieAccepted : scade dopo 365 giorni. Questo cookie permette di mascherare le informazioni sull'utilizzo dei cookies del sito e viene utilizzato solo se l'utente ne accetta l'utilizzo.
Puoi autorizzare, bloccare o eliminare i cookies installati sul tuo computer modificando le opzioni del tuo browser. Per i browser più popolari trovi qui i link:

Internet Explorer
Mozilla Firefox
Google Chrome
Apple Safari

Ti informiamo che la disattivazione di un cookie potrebbe impedire o rendere difficoltosa la navigazione o le prestazioni dei servizi proposti sul nostro sito.

Chiudi